Salta al contenuto principale Salta al menu principale

Imposta Municipale Propria (IMU)

Aggiornamento del 28/05/2020. - Inserite informazioni aliquote 2020

Aggiornamento del 27/05/2020. - Inserite informazioni sul D.L. 34 del 19/05/2020

Aggiornamento del 01/04/2020. - Inserite informazioni anno d'imposta 2020.

L'articolo 1, commi da 738 a 783, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 ha disposto la soppressione dell'imposta unica comunale (IUC), ad eccezione della componente tassa sui rifiuti (TARI) e rivisto la normativa dell'imposta municipale propria (IMU).

Il presupposto dell'imposta municipale propria è il possesso di immobili, ovvero fabbricati, abitazioni principali (esclusivamente in categoria catastale A/1, A/8 e A/9) e relative pertinenze, aree fabbricabili e terreni agricoli.

Sono individuati come possessori, e quindi come soggetti passivi dell'imposta, autonomamente per la propria quota di competenza, il proprietario degli immobili, ovvero il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi e superficie sugli stessi. Si ricorda che ai soli fini IMU l'assegnazione della casa familiare, a seguito di provvedimento del giudice, al genitore affidatario di figli minori o a carico è costitutiva di un diritto di abitazione in capo al genitore affidatario stesso; il genitore affidatario è quindi il soggetto passivo IMU; l'art. 1, comma 741, lettera c), stabilisce che la casa assegnata è considerata abitazione principale.

Sono altresì soggetti passivi il concessionario di aree demaniali e il locatario finanziario (dalla data della stipula del contratto e per tutta la durata dello stesso).

Anno d'imposta 2020

Tabella aliquote IMU adottate con deliberazione consiliare del 26 maggio 2020, n. 28
Aliquota IMU
Abitazione principale e relative pertinenze
(escluse categorie catastali A/1, A/8, A/9)
0,00 ‰
Abitazione principale categorie catastali A/1, A/8, A/9 e relative pertinenze 5,20 ‰
Detrazione € 200,00
Fabbricati rurali ad uso strumentale 0,00 ‰
Fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita - c.d. "beni merce" 0,00 ‰
Terreni agricoli 10,60 ‰
Fabbricati del gruppo "D" 10,60 ‰
Alloggi assegnati da IACP o enti di edilizia residenziale pubblica comunque denominati e relative pertinenze 6,36 ‰
Detrazione € 200,00
Altri immobili 10,60 ‰
Aree fabbricabili 10,60 ‰

Ufficio Tributi - Sportello IMU

È possibile contattare l'Ufficio Tributi del Comune per ulteriori informazioni sul calcolo ed eventuali consulenze approfondite, a tal fine si rimanda alla pagina dedicata.

Si ricorda inoltre che, come per l'anno precedente, il Comune non provvederà all'invio dei modelli di pagamento F24 precompilati.

Scadenze

L'imposta è dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota e ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso. A tal fine il mese durante il quale il possesso si è protratto per più della metà dei giorni di cui il mese stesso è composto è computato per intero. Il giorno di trasferimento del possesso si computa in capo all'acquirente e l'imposta del mese del trasferimento resta interamente a suo carico nel caso in cui i giorni di possesso risultino uguali a quelli del cedente. A ciascuno degli anni solari corrisponde un'autonoma obbligazione tributaria.

I soggetti passivi effettuano il versamento dell'imposta dovuta al comune per l'anno in corso in due rate, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in un'unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno. Il versamento della prima rata è pari all'imposta dovuta per il primo semestre, applicando l'aliquota e la detrazione dei dodici mesi dell'anno precedente.

In sede di prima applicazione dell'imposta, la prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l'anno 2019. Il versamento della rata a saldo dell'imposta dovuta per l'intero anno sarà eseguito, a conguaglio, sulla base delle aliquote inerenti la "nuova" IMU, che verranno approvate dal Consiglio Comunale e pubblicate sul sito del Comune e su quello del Dipartimento Finanze del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

La scadenza per la presentazione della dichiarazione IMU (istruzioni) per l'anno d'imposta 2020 è il 30 giugno 2021. Si ricorda che la scadenza per la presentazione della dichiarazione per l'anno d'imposta 2019 è il 31 dicembre 2020.

Il D.L. 34 del 19/05/2020 (c.d. Decreto rilancio) ha disposto all'art. 177, in considerazione degli effetti connessi all'emergenza sanitaria da COVID 19, l'esenzione, per il 2020, dalla prima rata dell'IMU relativa a:
a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;
b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Ravvedimento operoso

In caso di mancato o parziale pagamento alle date di scadenza è possibile regolarizzare la propria posizione effettuando un tardivo versamento e pagando una sanzione ridotta e gli interessi di mora sulla parte di imposta ancora dovuta.

Per informazioni, dettagli sul calcolo ed esempi sul ravvedimento operoso si rimanda alla pagina dedicata.

Enti non commerciali

Il versamento dell'imposta dovuta dai soggetti individuati dall'art. 1, comma 759, lettera g), della legge 27 dicembre 2019, n. 160, (ENC), è effettuato in tre rate di cui le prime due, di importo pari ciascuna al 50 per cento dell'imposta complessivamente corrisposta per l'anno precedente, devono essere versate nei termini del 16 giugno e del 16 dicembre dell'anno di riferimento, e l'ultima, a conguaglio dell'imposta complessivamente dovuta, deve essere versata entro il 16 giugno dell'anno successivo a quello cui si riferisce il versamento, sulla base delle aliquote pubblicate nel sito internet del Dipartimento Finanze del Ministero dell'Economia e delle Finanze, alla data del 28 ottobre dell'anno di riferimento. I soggetti di che trattasi eseguono i versamenti dell'imposta con eventuale compensazione dei crediti, allo stesso comune nei confronti del quale è scaturito il credito, risultanti dalle dichiarazioni presentate successivamente alla data di entrata in vigore della citata legge.

In sede di prima applicazione dell'imposta, le prime due rate sono di importo pari ciascuna al 50 per cento dell'imposta complessivamente corrisposta a titolo di IMU e TASI per l'anno 2019.

L'art. 1, comma 770, della citata legge 27 dicembre 2019, n. 160, prescrive che i soggetti di che trattasi presentano la dichiarazione IMU ENC (istruzioni) entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello d'imposta secondo quanto previsto dal regolamento ministeriale del 19 novembre 2012, n. 200. La dichiarazione deve essere presentata ogni anno.

Versamento

Il versamento deve essere effettuato utilizzando i modelli di pagamento F24 o F24 semplificato, entrambi scaricabili in bianco dal sito dell'Agenzia delle Entrate. È possibile altresì compilare i modelli F24 tramite i servizi home-banking delle banche italiane e di Poste Italiane, oltre che utilizzare i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate.

Per la compilazione, per ciascun rigo:

  • indicare il codice ente A859 (Comune di Biella);
  • utilizzare i codici tributo indicati nella tabella Codici tributo modello F24;
  • indicare l'anno d'imposta 2020, il numero immobili e crociare le apposite caselle se il versamento è in acconto o saldo (crociare entrambe in caso di versamento in unica soluzione);
  • l'importo a debito e l'eventuale detrazione (gli importi devono essere arrotondati all'euro superiore o inferiore).

La casella Immob. variati deve essere crociata in caso di variazioni nel calcolo d'imposta che determinino la necessità di presentazione della dichiarazione IMU.

Codici tributo modello F24
Codice Descrizione
3912 IMU abitazione principale e pertinenze
3913 IMU fabbricati rurali ad uso strumentale
3914 IMU terreni (quota Comune)
3916 IMU aree fabbricabili (quota Comune)
3918 IMU altri fabbricati (quota Comune)
3925 IMU immobili produttivi gruppo D (quota Stato)
3930 IMU immobili produttivi gruppo D (quota Comune)

Nel modello F24 normale è da utilizzare la sezione IMU e altri tributi locali.

Le sezioni da compilare nel modello F24 semplificato

Nell'immagine è evidenziato dove compilare il modello F24.

Nel modello F24 semplificato è necessario indicare nella prima colonna, Sezione, la sigla EL per ciascuna riga utilizzata per IMU.

Le sezioni da compilare nel modello F24 semplificato

Nell'immagine è evidenziato dove compilare il modello F24 semplificato.

Per la compilazione della sezione contribuente è necessario compilare i campi:

  • codice fiscale;
  • cognome, denominazione o ragione sociale;
  • nome;
  • data di nascita;
  • sesso (M o F);
  • comune (o Stato estero) di nascita;
  • provincia.

I campi codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare e codice identificativo devono essere utilizzati solo in casi specifici (per es. in caso di eredità, l'erede che effettua il versamento a nome del de cuius inserirà il proprio codice fiscale ed il codice identificativo appropriato, nell'esempio è 07); a tale scopo si rimanda alle istruzioni del modello F24 presenti sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Il campo identificativo operazione non deve essere compilato.

Errori nel versamento

Nel caso di errori nell'operazione di versamento riguardanti le seguenti fattispecie:

  • codice fiscale, codice tributo, altre indicazioni sul modello F24 (acconto, saldo, etc.): è opportuno che il contribuente ne dia comunicazione all'Ufficio Tributi per la loro correzione;
  • codice ente: il contribuente dovrà presentare istanza di riversamento al Comune che ha indebitamente percepito l'importo versato e trasmetterne copia al Comune competente;
  • importi versati: è possibile presentare istanza di rimborso/compensazione se superiori al dovuto annuo (i versamenti in acconto effettuati in eccesso andranno conguagliati con il saldo); se inferiori si rimanda alla pagina dedicata al ravvedimento operoso

I modelli d'istanza di rimborso/riversamento e compensazione sono disponibili nella modulistica.

In caso di errori imputabili all'intermediario (banca o posta) incaricato del versamento il contribuente dovrà contattare lo stesso, chiedendo la rettifica della delega F24 senza alcun costo aggiuntivo e darne comunque comunicazione all'Ufficio Tributi.

Versamento dall'estero

I contribuenti residenti all'estero impossibilitati ad effettuare il versamento mediante il modello F24 possono assolvere l'obbligo di versamento dell'IMU a mezzo bonifico bancario alle seguenti coordinate bancarie:

  • beneficiario: "Comune di Biella – Tesoreria"
  • banca/sportello: UNICREDIT SPA/BIELLA DELLEANI
  • codice IBAN: IT 60 Y 02008 22310 0001 0415 6509
  • BIC/SWIFT: UNCR IT MM XXX

Come causale indicare il codice fiscale del contribuente che versa il tributo, "IMU", l'anno d'imposta ed il tipo di versamento (acconto, saldo, unico, ravvedimento).

Esempi causale:

  • "[codice fiscale contribuente] IMU 2020 acc."
  • "[codice fiscale contribuente] IMU 2020 acc. saldo ravv."

Si richiede di inviare una e-mail all'ufficio, dettagliante gli importi afferenti ai singoli tributi e riportante come oggetto la stessa causale utilizzata per il versamento.

Calcolo dell'imposta

L'imposta dovuta annua viene calcolata moltiplicando il valore imponibile per l'aliquota in base alla tipologia di immobile; la stessa va rapportata alla percentuale di possesso e agli effettivi mesi di possesso.

[imposta dovuta] = [valore imponibile] x [aliquota] x [quota possesso] x ( [mesi possesso] / 12 )

Si ricorda che solo per i fabbricati del gruppo catastale D (immobili industriali) il calcolo dell'IMU è previsto con la suddivisione tra quota Stato (determinata utilizzando l'aliquota del 7,6 ‰) e quota Comune (aliquota ottenuta dalla differenza tra aliquota ordinaria del Comune e aliquota base della quota Stato).

ATTENZIONE - Novità rispetto alla normativa previgente:
- le aree fabbricabili, non iscritte in catasto unitamente al fabbricato ma come terreni autonomi, non possono essere considerate pertinenziali dello stesso;
- gli immobili in categoria F/2 "unità collabenti", non essendo dotati di rendita catastale, non sono considerati fabbricati ai fini IMU e devono scontare l'imposta sull'area fabbricabile risultante.

Il calcolo del valore imponibile ai fini IMU si basa (art. 1, commi 745 e 746, della legge 27 dicembre 2019, n. 160):

  • per i fabbricati, sulla rendita catastale (indicata in visura catastale), rivalutata del 5% e moltiplicata per un moltiplicatore a seconda della categoria catastale di appartenenza dell'unità immobiliare (i moltiplicatori sono riportati nella tabella posta più sotto);
  • per i terreni agricoli (e incolti), sul reddito dominicale (indicato come R.D. in visura catastale), rivalutato del 25% e moltiplicato per il moltiplicatore 135;
  • per le aree fabbricabili sul valore venale in comune commercio al primo gennaio dell'anno di imposizione dell'area, avendo riguardo alla zona territoriale di ubicazione, all'indice di edificabilità, alla destinazione d'uso consentita, agli oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche.

Fabbricati e terreni agricoli

[valore imponibile] = [rendita/reddito] x ( 1 + [% di rivalutazione] ) x [moltiplicatore]

È consigliato effettuare una visura catastale aggiornata degli immobili posseduti prima di procedere al calcolo. Le visure catastali sono richiedibili gratuitamente dal soggetto possessore presso gli uffici dell'Agenzia Entrate - Territorio oppure in via telematica nell'area riservata Fisconline del sito dell'Agenzia Entrate (sezione "Servizi Ipotecari e Catastali, OMI" - "Consultazioni personali").

Le variazioni di rendita catastale intervenute in corso d'anno, a seguito di interventi edilizi sul fabbricato, producono effetti dalla data di ultimazione dei lavori o, se antecedente, dalla data di utilizzo.
Moltiplicatori valore imponibile fabbricati
Categorie Moltiplicatore
A (esclusa A/10) e C/2, C/6, C/7 160
C/1 55
B e C/3, C/4 e C/5 140
A/10 e D/5 80
D (esclusa D/5) 65
Terreni agricoli 135

Per i fabbricati classificabili nel gruppo catastale D, non iscritti in catasto, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, il valore è calcolato ai sensi dell'art. 1, comma 746 della legge 27 dicembre 2019, n. 160 che rimanda all'art. 7, comma 3, del decreto-legge 11 luglio 1992, n. 333 convertito con legge 8 agosto 1992, n. 359 e cioè, fino alla richiesta dell'attribuzione di rendita, il valore di questi fabbricati, rilevante come base imponibile per il calcolo dell'IMU, è determinato alla data di inizio di ciascun anno solare ovvero, se successiva, alla data di acquisizione, applicando al valore che risulta dalle scritture contabili, al lordo delle quote di ammortamento, i coefficienti ministeriali definiti annualmente con apposito decreto (per il 2019 si veda il decreto MEF 6 maggio 2019).

Aree fabbricabili

Il valore imponibile delle aree fabbricabili è dato dal valore venale in comune commercio al primo gennaio dell'anno di imposizione dell'area o a far data dall'adozione dello strumento urbanistico, avendo riguardo alla zona territoriale di ubicazione, all'indice di edificabilità, alla destinazione d'uso consentita, agli oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche.

In caso di utilizzazione edificatoria dell'area, di demolizione di fabbricato, di interventi di recupero a norma dell'articolo 3, comma 1, lettere c), d) e f), del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380), la base imponibile è costituita dal valore dell'area, la quale è considerata fabbricabile, senza computare il valore del fabbricato in corso d'opera, fino alla data di ultimazione dei lavori di costruzione, ricostruzione o ristrutturazione ovvero, se antecedente, fino alla data in cui il fabbricato costruito, ricostruito o ristrutturato è comunque utilizzato.

Il valore delle aree fabbricabili deve essere dichiarato utilizzando la dichiarazione IMU (istruzioni). Una nuova dichiarazione IMU deve essere resa in caso di variazione del valore o cessazione dell'edificabilità per variazione al Piano Regolatore Generale del Comune (consultabile attraverso il Servizio Informativo Territoriale).

Abitazione principale

Per abitazione principale si intende l'unica unità immobiliare classificata nelle categorie catastali A (esclusa A/10) nella quale il possessore ed il suo nucleo famigliare dimorano e risiedono anagraficamente. Per pertinenze dell'abitazione principale ai fini IMU si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di 1 unità pertinenziale per ciascuna delle categorie indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo. Entrambe le definizioni sono indicate nell'art. 1, comma 740, lett. b) della legge 27 dicembre 2019, n. 160.

ATTENZIONE - Il concetto di "prima casa" ai fini IMU è DIVERSO da quello rilevante ai fini delle agevolazioni per l'acquisto della "prima casa" previste per altre imposte, quali l'IRPEF e l'imposta di registro. Come sopra precisato, per l'agevolazione ai fini IMU è necessaria la dimora e l'acquisizione della residenza anagrafica nell'immobile.
Pertanto, se per usufruire delle agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa su di un immobile è sufficiente acquisirvi residenza entro i 18 mesi successivi all'acquisto, questo NON È VALIDO ai fini IMU, in quanto in mancanza di residenza anagrafica e dimora abituale l'immobile sarà considerato come soggetto ad aliquota ordinaria.

Restano soggette ad IMU con aliquota agevolata e detrazione le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze. La detrazione prevista per l'abitazione principale riduce l'imposta dovuta e deve essere divisa in parti uguali fra i possessori residenti e rapportata per il numero di mesi per i quali si è mantenuta la residenza.

Assimilazioni ex lege all'abitazione principale

L'art. 1, comma 740, lett. c), della legge 27 dicembre 2019, n. 160 prevede l'assimilazione all'abitazione principale ai fini IMU nei seguenti casi:

  1. le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dai soci assegnatari;
  2. le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, anche in assenza di residenza anagrafica;
  3. i fabbricati di civile abitazione destinati agli alloggi sociali come definiti dal Decreto del Ministro delle Infrastrutture del 22 aprile 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 24 giugno 2008, n 146, adibiti ad abitazione principale;
  4. la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli a seguito di provvedimento del giudice (l'assegnazione costituisce, ai soli fini IMU, diritto di abitazione sull'immobile in capo al genitore affidatario);
  5. un'unica unità immobiliare posseduta e non concessa in locazione dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze Armate ed alle Forze di Polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di Polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia. Non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
  6. secondo quanto recepito dal vigente Regolamento IUC, una sola unità immobiliare posseduta da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.
ATTENZIONE - Novità rispetto alla normativa previgente:
- non è stata riproposta e quindi non è più applicabile l'assimilazione prevista per una sola abitazione a favore dei cittadini iscritti all'AIRE pensionati nei paesi di residenza.

Per le fattispecie sopra indicate è opportuno comunicare al Comune mediante la dichiarazione IMU (istruzioni) l'applicazione dell'agevolazione ed eventuali variazioni.

Esenzioni e agevolazioni

Senza la pretesa di esaustività si elencano le principali agevolazioni ed esenzioni previste dalla normativa. Per le ulteriori agevolazioni non qui previste si prega di contattare l'Ufficio Tributi.

È opportuno comunicare l'applicazione delle agevolazioni al Comune utilizzando la dichiarazione IMU (nei casi previsti dalle istruzioni) ed eventuali variazioni.

Comodati d'uso gratuito a parenti

L'art. 1, c. 747, lett. c), della legge 27 dicembre 2019, n. 160, prevede un'agevolazione per le abitazioni date in comodato d'uso gratuito a parenti, consistente nell'abbattimento del 50% della base imponibile IMU. La norma prevede vincoli espliciti all'applicazione dell'agevolazione:

  • vincolo di parentela, l'agevolazione è possibile solo se il comodatario (chi usufruisce del comodato) e il comodante (chi dà in comodato) sono parenti in linea retta entro il primo grado (genitori con figli e viceversa);
  • vincolo di residenza e destinazione, il comodante deve risiedere e dimorare abitualmente nello stesso Comune in cui si trova l'immobile dato in comodato, il comodatario deve inoltre adibire detto immobile ad abitazione principale propria e della sua famiglia;
  • vincolo sul possesso di altre abitazioni: il comodante può possedere esclusivamente l'abitazione data in comodato o al più possedere un altro immobile adibito ad abitazione principale propria e della sua famiglia; il possesso di altre tipologie di immobili, es. negozi o terreni agricoli, non inibisce l'applicazione dell'agevolazione.

L'agevolazione si estende alle pertinenze dell'abitazione data in comodato (che devono essere comprese nel contratto di comodato) nella misura massima di un'unità pertinenziale per categoria C2, C6 e C7 (come anche precisato nella risoluzione del Dipartimento Finanze del Ministero n. 1/DF del 17 febbraio 2016).

La norma prevede inoltre che il contratto di comodato d'uso deve essere registrato presso l'Agenzia delle Entrate, entro 20 giorni dalla stipula. L'agevolazione decorre dalla data di stipula del contratto di comodato, anche in caso di tardiva registrazione purché sanata mediante ravvedimento. L'agevolazione decorre dalla data di registrazione in caso di tardiva registrazione senza che sia intervenuto ravvedimento.

Il beneficio in capo al comodante viene mantenuto, in caso di morte del comodatario, in presenza coniuge superstite con figli minorenni.

Si ricorda che la norma esclude dall'agevolazione i fabbricati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Per ulteriori informazioni riguardanti le agevolazioni sui comodati d'uso gratuito a parenti si possono consultare la risoluzione del Dipartimento Finanze del Ministero dell'Economia e delle Finanze n.1/DF del 17 febbraio 2016, nonché le FAQ tratte dai webinar IFEL fondazione ANCI con risposte pertinenti a queste casistiche.

Locazioni a canone concordato

Per le abitazioni concesse in locazione a canone concordato (in base al vigente accordo territoriale e ai sensi dell'art. 2, comma 3, della legge 9 dicembre 1998) l'art. 1, comma 760, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 ha previsto una riduzione al 75% dell'aliquota applicata. La predetta agevolazione opera anche nel caso di contratti di locazione di natura transitoria.

Per ulteriori informazioni sui contratti di locazione a canone concordato si rimanda all'accordo territoriale ed al prospetto per la definizione del canone concordato allegati in questa pagina.

Per ulteriori informazioni riguardanti le agevolazioni sulle locazioni a canone concordato si possono consultare la risoluzione del Dipartimento Finanze del Ministero del Ministero dell'Economia e delle Finanze n.1/DF del 17 febbraio 2016, nonché le FAQ tratte dai webinar IFEL fondazione ANCI con risposte pertinenti a queste casistiche.

Immobili storici ed inagibili

L'art. 1, c. 747, lett. a) e b), della legge 27 dicembre 2019, n. 160, prevede una riduzione della base imponibile pari al 50% per i fabbricati di interesse storico o artistico di cui all'articolo 10 del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonché per gli immobili inagibili/inabitabili, per fatiscenza sopravvenuta, non superabile con interventi di manutenzione e di fatto non utilizzati, come definiti dall'art. 4 Capo II del Regolamento IUC.

Per l'agevolazione per gli immobili storici si raccomanda di contattare l'Ufficio Tributi al fine di confermare l'effettiva sussistenza dei requisiti.

Per il riconoscimento dell'agevolazione sugli immobili inagibili/inabitabili è necessario richiedere una perizia all'Ufficio Tecnico del Comune (i costi sono a carico del proprietario) o, in alternativa, presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesta la dichiarazione di inagibilità/inabitabilità da parte di un tecnico abilitato secondo quanto previsto dal Regolamento IUC (consapevoli delle sanzioni penali in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi del D.P.R. 445/2000) (modelli disponibili nella modulistica).

Terreni agricoli e incolti

In base alle disposizioni dell'art. 1, c. 758, lett. d), della legge 27 dicembre 2019, n. 160, sono esenti dall'IMU i terreni (quando non già aree fabbricabili come rilevabile dal PRGC) ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell'art. 15 della legge 27 dicembre 1977, n. 984, sulla base dei criteri individuati dalla circolare del Ministero delle finanze n. 9 del 14 giugno 1993, pubblicata nel s.o. n. 53 alla G.U. n. 141 del 18 giugno 1993.

Per il Comune di Biella trattasi dei seguenti fogli (come individuati dalla Regione Piemonte con deliberazione n. 826/6658 del 12 maggio 1988): dal n. 1 al n. 44, dal n. 49 al n. 51, dal n. 68 al n. 83, nonché il n. 85 e il n. 87.

Restano pertanto imponibili i soli terreni insistenti nei fogli catastali esclusi dal precedente elenco.

Il citato comma 758 dispone inoltre l'esenzione dall'IMU, con la lett. a), dei terreni agricoli, nonché non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99, iscritti alla previdenza agricola, comprese le società agricole di cui al comma 3 del medesimo art. 1, indipendentemente dalla ubicazione dei terreni stessi.

Quest'ultima esenzione opera anche se i terreni sono individuati come fabbricabili.

Anni d'imposta precedenti

Regolamento per la disciplina dell'imposta unica comunale (I.U.C.), in vigore per le componenti IMU e TASI fino all'anno d'imposta 2019.

Anno d'imposta 2019 - IUC

Si rimanda alla pagina dedicata. Aliquote adottate con deliberazione consiliare del 18 dicembre 2018, n. 108.

Anno d'imposta 2018 - IUC

Si rimanda alla pagina dedicata. Aliquote adottate con deliberazione consiliare del 19 dicembre 2017, n. 95.

Anno d'imposta 2017 - IUC

Si rimanda alla pagina dedicata. Aliquote adottate con delibera consiliare del 20 dicembre 2016, n. 92

Anno d'imposta 2016 - IUC

Si rimanda alla pagina dedicata. Aliquote adottate con delibera consiliare del 16 febbraio 2016, n. 11

Anno d'imposta 2015 - IUC

Aliquote adottate con delibera consiliare del 24 giugno 2015 n. 53.