Salta al contenuto principale Salta al menu principale

In città i contenitori per l'olio da cucina usato

Il contenitore per gettare l'olio da cucina accanto alla scuola Pietro Micca

Da martedì 21 giugno sarà più facile per i biellesi differenziare in modo corretto l’olio da cucina: undici contenitori gialli trovano spazio in città, accanto ad altrettante sedi di scuole elementari. Qui sarà possibile gettare, 24 ore su 24, i residui di frittura o di conserve sottolio, che fino a oggi dovevano essere consegnati all’ecocentro. Farlo non servirà ad aumentare la percentuale di raccolta differenziata, ma sarà un gesto prezioso per ridurre l’inquinamento dei corsi d’acqua e anche i costi di manutenzione. Gettare l’olio da cucina nello scarico del lavandino, infatti, è una scorciatoia che ha conseguenze pesanti sulla gestione dei depuratori e degli scarichi (con più interventi necessari, per esempio, per eliminare i tamponi di grasso nelle condutture), ma anche sulla flora e la fauna dei fiumi dove qualche residuo è comunque destinato a finire. E se i ristoranti e i bar hanno già obbligo di smaltire correttamente il loro olio, per le famiglie l’unica strada finora era l’ecocentro.

«Con questo nuovo servizio» sottolinea il sindaco Marco Cavicchioli «basta un piccolo sforzo da parte di tutti per ottenere un grande beneficio. Abbiamo fatto in modo che i contenitori siano a portata di mano e facilmente raggiungibili da tutti i biellesi». Gli undici “scatoloni” gialli sono sparsi in ogni zona della città, accanto alle scuole elementari del centro (Pietro Micca e De Amicis), San Paolo (Collodi e Borgonuovo), Vernato (Gromo Cridis), Villaggio La Marmora (via Graglia), Piazzo (Ada Negri), Chiavazza (piazza XXV Aprile), Pavignano (via Barazza) e valle Oropa (ex Redentoristi). Può essere gettato l’olio da cucina di origine vegetale, residuo di frittura o di confezioni di conserve sottolio, ma non residui di cibo o acqua di lavaggio dei contenitori in cui c’era olio. Il modo corretto per gettarlo consiste nel travasarlo in una bottiglia di plastica, da quelle di bibite e acqua minerale a quelle dei detersivi, che poi va messa nel contenitore tappata. In questo modo non si lascia l’olio “libero” con il rischio che spanda cattivi odori.

Resta comunque possibile continuare a conferire i residui all’ecocentro di via per Candelo, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 11,30 e dalle 13,30 alle 16,30 a eil sabato dalle 8,30 alle 11,30.

In allegato, al link cliccabile qui sotto, la mappa degli undici contenitori.

AllegatoDimensione
Image icon mappa olii esausti.jpg1.6 MB
Area tematica: