Salta al contenuto principale Salta al menu principale

Bonus per disagio economico

BONUS PER DISAGIO ECONOMICO

Con la definizione di Bonus per disagio economico, si intendono le seguenti tipologie di bonus:

  • il bonus elettrico

  • il bonus gas

  • il bonus idrico,

strumenti introdotti dal Governo con l'obiettivo di sostenere le famiglie in condizione di disagio economico, garantendo loro un risparmio sulla spesa annua per l'energia elettrica, il gas naturale e l’acqua.

Il Bonus per l'energia elettrica è previsto anche per i casi di grave malattia che imponga l'uso di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita. In questi casi, per avere accesso al bonus sociale, il cliente finale deve essere in possesso di un certificato ASL.

Come stabilito dal Decreto Legge 26 ottobre 2019 n. 124, convertito con modificazioni dalla Legge 19 dicembre 2019, n. 157, a partire dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico relativamente alla fornitura di energia elettrica, di gas naturale e per la fornitura idrica saranno riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto.

Le condizioni necessarie per avere diritto ai bonus per disagio economico sono i seguenti:

  • 1. appartenere ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro, oppure

  • 2. appartenere ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro, oppure

  • 3. appartenere ad un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve essere intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o gas e/o idrica con tariffa per usi domestici e attivo, oppure usufruire di una fornitura condominiale gas e/o idrica attiva.

Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per tipologia - elettrico, gas, idrico - per anno di competenza.

Cosa dovranno fare dal 1° gennaio 2021 i cittadini per ottenere i bonus per disagio economico?

Dal 1° gennaio 2021, i cittadini non dovranno più presentare domanda per ottenere i bonus per disagio economico relativamente alla fornitura di energia elettrica, di gas naturale e per la fornitura idrica presso i CAF convenzionati, bensì sarà sufficiente richiedere l’attestazione ISEE. Se il nucleo familiare rientrerà nelle condizioni che danno diritto al bonus, l'INPS, in conformità a quanto previsto dalla normativa sulla privacy, invierà i dati necessari al Sistema Informativo Integrato (SII) gestito dalla società Acquirente Unico, che provvederà ad incrociare i dati ricevuti con quelli relativi alle forniture di elettricità, gas e acqua consentendo l’erogazione automatica del bonus agli aventi diritto.

I bonus in corso di erogazione al 31 dicembre 2020 continueranno ad essere erogati con le modalità oggi in vigore.

Attenzione: l’automatismo vale solo per le seguenti tipologie di bonus:

  • il bonus elettrico

  • il bonus gas

  • il bonus idrico

Non verrà invece erogato automaticamente il bonus per disagio fisico. Pertanto dal 1° gennaio 2021 nulla cambia per le modalità di accesso a tale bonus: i soggetti che si trovano in gravi condizioni di salute e che utilizzano apparecchiature elettromedicali per la loro sopravvivenza dovranno continuare a farne richiesta presso i CAF abilitati.